Tanti auguri!

postato in: newsletter | 0

Se veramente vogliamo che questo nuovo anno segni anche un vero nuovo inizio, non possiamo limitarci ai soliti rituali e anche un po’ipocriti auguri dettati dalla tradizionale euforia.

Penso che sarebbe ora di smettere questa vuota tiritera che si perpetua sempre uguale a sé stessa e cerchiamo un cambiamento vero, vitale, gioioso e divertente.

Basterebbe cambiare sguardo, cominciando da noi stessi per vedere chi siamo veramente e liberarci da quelle pesanti catene che sono le tradizioni, le certezze, i dogmi e le assicurazioni. E quando inizi a guardare altrove, a cercarti, scopri di essere controllato da una specie di enorme cupola vibrante che ti inietta ordini direttamente nel cervello che tu piano piano ti adegui ad eseguire automaticamente.

Così tutti gli anni arrivi nel presepio della menzogna, fai pacchetti regalo infiocchettati e mangi tacchino ripieno di morte, dolore, sfruttamento, panico.
Ma va be sì in nome sa, Gesù , Giuseppe, la Madonna e tutti gli angeli in colonna, continuando a fingere di non sapere quali ripercussioni abbiano le nostre azioni sulla salute del pianeta.

Così la nostra arrogante ingerenza su madre natura l’anno scorso ci ha donato il virus covid 19, questo virus che ci dice che è scaduto il tempo ed è il momento di operare un cambio consapevole.

Ci propinano le contraddizioni come fossero normali, perciò è normale essere frustrati, infelici, esauriti, consumati da una vita e un lavoro che ti permette di avere solo quello che dovrebbe essere tuo per diritto di nascita: un riparo, cibo, acqua, cure.

Con questo solstizio d’inverno è iniziata l’era dell’acquario, della consapevolezza, della luce e noi possiamo aiutare questa energia rinnovata scegliendo un’alimentazione senza violenza, un’alimentazione d’amore, energia e vitalità che saprà far crollare multinazionali e farmaceutiche, un sistema economico che è già al collasso e rimetterci nel flusso d’amoree collaborazione di madre natura.

Allora che sia un buon anno davvero
Onavi Errot